“Dopo” è il titolo del cortometraggio realizzato dagli studenti della classe VA dell’indirizzo Audiovisivo e multimediale, sotto la guida delle docenti Patrizia Ricco e Marilina Nichilo, selezionato alla II Biennale dei Licei artistici. Trattasi di una mostra - concorso promossa da "ReNaLiArt", la Rete Nazionale dei Licei Artistici, finanziata dalla Direzione generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione, patrocinata dal MIUR.

La mostra, che ha come tema “Il viaggio”, è stata inaugurata a Roma il 28 aprile e sarà visitabile fino al 4 giugno 2018, presso palazzo WEGIL e il palazzo dell’Istruzione (MIUR). Saranno presentate le opere in concorso degli studenti dei Licei artistici italiani insieme alle opere fuori concorso di scuole d'arte europee ed extraeuropee, selezionate dal Comitato Tecnico Scientifico. L'organizzazione e la realizzazione della mostra sono a cura del Liceo Artistico Statale "Enzo Rossi" di Roma.

Dopo” è un video che ricorda le 23 vittime dell’incidente ferroviario avvenuto sulla tratta Andria – Corato il 12 luglio 2016. Una tragedia che ha molto colpito tutti gli studenti (in gran parte pendolari) del nostro Istituto.

Ancora oggi molti studenti della nostra scuola, quotidianamente, affrontano notevoli disagi dovuti all’interruzione della linea ferroviaria Bari Nord che perdura a partire da quel drammatico giorno. La partecipazione dei ragazzi alla realizzazione di questo cortometraggio è stata particolarmente sentita.

Gli studenti della classe VA si sono immedesimati nelle vittime; ognuno di loro ha immaginato di essere su uno dei treni scontratisi e ha messo in scena una piccola storia di vita quotidiana interrotta inaspettatamente da un incidente che poteva essere evitato. Unica figura adulta è quella del controllore, interpretato dalla prof.ssa Porzia Volpe, che compare per ultima a sottolineare che la tragedia non ha risparmiato nessuno.

Il video mostra quanto fragile sia l’esistenza umana in balia di errori e di mancate assunzioni di responsabilità e pone lo spettatore di fronte alle “vittime” i cui volti si spengono lentamente, mentre i cronisti del Tg3 raccontano inevitabilmente la cronaca dei fatti.

Il video è visibile sul canale Youtube, curato dagli studenti dell’indirizzo Audiovisivo, a questo link: https://youtu.be/Y-FIpi3kmQY

P. Ricco