La classe IV D dell’indirizzo design del legno, coordinata dal professor Giuseppe Di Zanni, con la dottoressa Loredana Acquaviva, ha potuto sperimentare nel biennio scolastico 2016/2017, 2017/2018 un percorso di alternanza scuola-lavoro unico: il restauro del gruppo ligneo della Via Crucis dell’artista Onofrio Soldano, nella parrocchia S. Maria Maggiore di Corato. Questo ha permesso ai ragazzi di conoscere più da vicino le opere artistiche presenti sul territorio, di apprezzarne la bellezza e l’importanza di preservarle dagli assalti del tempo. Per i ragazzi è stata un’esperienza che ha aperto nuovi orizzonti: l’alunna Floriana Rutigliano ha detto che lei ed anche gli altri suoi compagni di classe, prima di questo percorso, non avevano mai pensato al restauro, convinti che solo “il dare forma ad oggetti nuovi, creare” fosse prerogativa dell’indirizzo design e dell’arte in genere, poi, invece, andando avanti nel progetto, hanno scoperto quest’arte esclusiva e preziosa, quella del restauro.

Il 23 marzo, con la consegna dei premi ai vincitori dei vari concorsi, si è ufficialmente conclusa, in biblioteca comunale, la 39esima edizione del carnevale coratino. Il presidente della Pro loco, Gerardo Strippoli, e l’assessore allo sport, Gaetano Nesta, hanno ringraziato tutti i partecipanti privati, le scuole e le associazioni e hanno poi consegnato i premi ai gruppi in concorso. I trofei, anche quest’anno, sono stati realizzati dagli alunni della classe III C dell’indirizzo design ceramica del Liceo Artistico “Federico II, Stupor mundi”, coordinati dalla prof.ssa Donatella Di Bisceglie.

Sabato 26 maggio 2018, in occasione della premiazione della IX edizione del Concorso letterario “Cataldo Leone”, presso il Chiostro del Comune di Corato, seduta tra le mie compagne d’avventura Francesca Loiodice e Margherita Boccasile, ho ascoltato, dopo gli interventi dei relatori, (tra cui la illustre docente di Letteratura latina tardo-antica, prof.ssa Palma Camastra), la serie di nomi di coloro che si erano aggiudicati il quarto posto nelle tre sezioni di cui detto concorso era strutturato, ancora del tutto ignara di quello che avrei sentito lì a breve… Ci stringevamo le mani, il sole picchiava dritto sulle nostre teste e io, a dire il vero, ero con la testa fra le nuvole; quando…

<<Vince il terzo posto per la sezione prosa delle scuole medie superiori…. Martinelli Gaia con il testo “Fuori dalla cornice”.>>

All’evento rievocativo del Corteo storico di Ruvo di Puglia, giunto alla 6^ edizione, “Ruvo, Carafa e la leggenda” ha partecipato, come sempre, l’Istituto d’Istruzione Secondaria Superiore “Federico II stupor mundi“ di Corato, diretto dal Preside prof. Savino Gallo, con le classi degli indirizzi Metalli – Oreficeria, sotto il coordinamento e la supervisione dei professori dell’indirizzo, tra i quali la docente che ha presentato e curato il progetto, la prof.ssa Concetta Scardigno.

Gli studenti, per l’occasione, hanno realizzato gioielli e monili che i figuranti hanno indossato insieme agli abiti d’epoca del XVIII secolo.

È un appuntamento irrinunciabile quello del Maggio in fiore per chi come noi fa della cultura dell’arte il segno costitutivo della propria identità nello stretto legame con il territorio. Il Liceo Artistico stupor mundi, da sempre attento a questa tematica, ha visto nell’edizione corrente l’opportunità di poter cogliere la particolare bellezza del paesaggio murgiano, refrattario per configurazione ad ogni definizione che poggia su un paradigma armonico. L’aspra presenza della pietra calcarea, rude e nuda, difficilmente si lascia catturare da un giudizio estetico composto. Quello che appare è un mare di pietra aguzza che la luce provvede a separare dal cielo.